Ascoli: sovrafatturazione a beneficio di persone di Teramo, 11 persone denunciate

Guardia di finanza 29/10/2015 - False sponsorizzazioni milionarie nel mondo dello sport. La Guardia di Finanza di Ascoli Piceno, a conclusione di una complessa indagine di polizia economica e finanziaria, ha individuato un sistema di frode con false fatturazioni per oltre 1,2 milioni di euro e denunciato a piede libero undici persone.

Una società sportiva dilettantistica, secondo quanto appurato dai militari della Compagnia di Ascoli Piceno dopo aver ricostruito i fatti gestionali della stessa associazione locale, avrebbe emesso fatture per sponsorizzazioni non realizzate o sovrafatturate a beneficio di una trentina di persone, operanti in svariati comparti economici tra Ascoli e Teramo, per un importo di oltre 1,2 milioni di euro e sottratto a tassazione una base imponibile di oltre 2,2 milioni di euro.

Pertanto i rappresentanti dell’associazione dilettantistica e delle imprese utilizzatrici (11 persone in totale) sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno rispettivamente per il reato di emissione e utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti. All’associazione dilettantistica, inoltre, è stata preclusa la possibilità di beneficiare delle agevolazioni tributarie previste dalla vigente normativa per gli Enti non Profit che consente di versare l’IVA in modo forfetario e di determinare il reddito imponibile con l’aliquota agevolata del 3% rispetto al totale dei proventi commerciali.





Questo è un articolo pubblicato il 29-10-2015 alle 19:53 sul giornale del 30 ottobre 2015 - 443 letture

In questo articolo si parla di cronaca, sport, ascoli piceno, guardia di finanza, Sudani Alice Scarpini, guardia di finanza di ascoli piceno, fatture false, articolo, sovrafatturazione