Detenzione di marijuana a fine di spaccio: due arresti

06/06/2014 - Un cittadino italiano ed un albanese gestivano lo smercio della sostanza stupefacente nel capoluogo aprutino.

Agenti della Squadra Mobile, nella serata di ieri, nel corso di mirata attività antidroga, ha tratto in arresto Mirco Di Cipriano, di anni 34, di professione meccanico, e David Gjini, di nazionalità albanese, di anni 22, muratore in quanto ritenuti responsabili del reato di detenzione in concorso ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Gli agenti hanno appreso da persone gravitanti nel mondo della droga che i due si erano approvvigionati di un cospicuo quantitativo di sostanza stupefacente da destinare ed immettere sul mercato locale, in corso di trasferimento nella cittadina teramana.

La polizia è così riuscita a rintracciare il Di Cipriano alla guida della propria automobile nei pressi della rotonda di Mosciano Sant’Angelo, mentre il Gjini lo precedeva facendogli da staffetta in motocicletta.

La perquisizione eseguita all’interno del veicolo condotto dal Di Cipriano consentiva di rinvenire 2,300 chilogrammi di marjiuana, mentre con la successiva perquisizione effettuata nell’abitazione di Teramo del Gjini, venivano trovati ulteriori 750 grammi di marjiuana, oltre a 10 grammi di cocaina ed un bilancino di precisione, che veniva sequestrato unitamente all'intera partita di sostanza stupefacente.

Dopo le consuete formalità di rito, come da disposizioni del Pubblico Ministero, il Di Cipriano è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, mentre il Gjini trattenuto in Questura, in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida.





Questo è un articolo pubblicato il 06-06-2014 alle 18:13 sul giornale del 07 giugno 2014 - 519 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Alfonso Aloisi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/5pX