L'Aquila: maltempo, Chiodi trasferisce 20 milioni a Provincia di Teramo

29/11/2013 - Maltempo: Chiodi trasferisce 20 milioni di euro a Provincia Teramo. Si tratta degli indennizzi per le alluvioni del marzo 2011.

Arrivano nelle casse della provincia di Teramo circa 20 milioni di euro stanziati per i danni delle alluvioni del marzo 2011. L'annuncio arriva dal presidente della Regione, Gianni Chiodi, dopo che la direzione Affari della presidenza della Giunta regionale ha emanato l'ordinanza con la quale trasferisce la somma di 20 milioni di euro al Commissario delegato per l'emergenza.

Cosi come stabilito dl protocollo d'intesa dello scorso primo ottobre firmato tra la Provincia di Teramo e la Regione Abruzzo, i 20 milioni di euro stanziati sono stati girati nella disponibilità della Provincia stessa.

Il reperimento dei fondi è stato fatto, come tiene a precisare il presidente Chiodi, "senza alcun incremento delle tasse regionali delle accise sulla benzina, come hanno fatto invece altre regioni che si sono trovate nelle stesse nostre condizioni.

"In particolare - spiega Chiodi - si tratta di una rimodulazione dei fondi Docup 2000-2006 non spesi da parte della Regione Abruzzo e recuperati. Parte di questi fondi abbiamo deciso destinarli alle zone del teramano che il primo, 2 e 3 marzo 2011 hanno subito danni ingenti per le alluvioni. Per fare questo abbiamo avviato un confronto con il Governo che di fatto, per il tramite del ministero dello Sviluppo economico e del Cipe, ci ha dato il via libera all'utilizzo di questi fondi. Il fatto che in un periodo relativamente breve abbiamo in cassa i circa 20 milioni previsti, significa anche che abbiamo lavorato bene, dimostrando serietà e competenza nell'indicare celermente i danni subiti e l'avvio delle procedure ad essi connessi".

Come prevede l'accordo, 12 milioni dei 20 stanziati verranno destinati alla sistemazione delle strade provinciali.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2013 alle 15:53 sul giornale del 30 novembre 2013 - 400 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione abruzzo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/VgN